L’attesa

Si vive. Al sole e al buio.
Amo e odio il giorno. Guardo la luce che entra sottile e insistente, respiro il calore di fuori e lo sento più dentro. Poi stento a vestirmi per vivere, ma vivo già il tempo.

Si vive. Al sole e al buio.
Amo e odio il giorno. Guardo la luce che entra sottile e insistente, respiro il calore di fuori e lo sento più dentro. Poi stento a vestirmi per vivere, ma vivo già il tempo.
Sarebbe perfetto il mio corpo in sintonia con l’alba gentile e puntuale, o con il giorno ormai maturo e operoso.
E mi muovo. Vorrei una magia. Che tutto si conservasse così, per sempre, per potermene lamentare rassegnata. O che tutto cambiasse, improvvisamente, per poter bere felicità, a piccoli sorsi, con saggezza.
Non dovrei affannarmi nel cercarmi e darmi un senso. La gioia di un passo leggero, e libertà nel cammino, su per il sentiero che seguo. Sono queste le mete, e qui tornano a cercare conforto i pensieri. Mentre respiro, penso e vado oltre i limiti segnati, definiti. Non vale poi l’affanno, il buio e l’ombra intorno se salgo di un gradino.
Ma pesa, grigia, la pietra che trattiene il mio andare e mi chiama indietro. Rammenta i confini e il vivere cheti e chiede, ogni volta, a che vale. E ride.
Guardarmi sorridere in uno specchio, in un riflesso. Sentirmi a una tregua con i miei conflitti, domati o rimandati a quando sarò più forte, svegliarmi senza sogni indecifrabili e invadenti. Camminare sotto il sole o la pioggia, che importa, ma con levità e grazia sottile, più bianca e vera, più nera e concreta.        
Questo vuoto, allora, sarebbe attesa. 

Pubblicato da

Alessandra Versienti

Ho superato i quaranta, ma conservo intatti le insicurezze e i terrori dei vent’anni. Il che – giuro! – non è un vezzo per sentirmi più giovane. Ho una brillante (…) e multiforme carriera da precaria: dal 2001 mi occupo di comunicazione on line e come freelance curo progetti editoriali e scrivo testi per il web. Inoltre sono una Prof: insegno Lettere nei licei e negli istituti di istruzione secondaria. Infine, scrivo. Scrivo poesie, racconti e romanzi. Alcune mie poesie compaiono in antologie poetiche curate da editori italiani: “Poetando. L’uomo della notte” curato da Maurizio Costanzo, ed. Aliberti 2009, e “I versi della Leda”, edito da I Libri della Leda nel 2010. Nel 2015 ho pubblicato su Amazon, in formato Kindle, la mia raccolta poetica Margini. Antologia provvisoria di parole e mutevoli sensi. Oggi la silloge è disponibile anche in formato cartaceo su IlMioLibro.it. Dal novembre 2016 è disponibile su IlMioLibro.it anche la nuova raccolta in versi Sangue. 30 poesie. La raccolta è disponibile anche su Amazon, nel Kindle Store. Sono sposata con A., abbiamo due bambine e viviamo all togheter in una città che si affaccia sul mare, dove i tramonti tolgono il fiato. La bellezza e la gioia mi fanno balbettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *