Pomeriggi

"Pomeriggi" è una poesia di Marcello Montinaro, che in questo messaggio prova a raccontare i suoi versi:

"Ciao cugina,
questo è il mio tentativo di metter giu’ non so cosa. Certo definire una poesia è un azzardo. Sono sensazioni dettate dalla nostalgia del tempo che fu. Ricordi ancora caldi nel cuore che mi riportano all’infanzia vissuta per strada, o dietro una tenda a giocare, o sul marciapiede a piedi nudi col fresco della "chianca" sotto i piedi, a raccontarci o ascoltarci.

Qui ho immaginato di spiare dalle fessure di una tenda di legno il silenzio che avvolgeva quei pomeriggi d’estate: ed ecco un vecchio che passa in bicicletta segnato dalla fatica della terra lavorata ed ecco un matto che senza meta cammina per raggiungere a sua insaputa la sua reggia (la chiazza) Lì ,scrivo, "diventan saggi" perchè sono padroni dei loro silenzi e nessuno li disturba, ma mi sono chiesto a cosa penseranno, forse ai loro cari che li hanno abbandonati o alla loro gioventu’… Poi esco dal paese per andare in campagna a sentire le cicale tra gli uliveti e la vigna per poi rientrare in via calasanzio dove le rondini volano basso come in nessuna altra via del paese.

Credo che solo chi abbia vissuto questi momenti a me vicini possa capire quello che volevo metter giu’ con le parole.

Per questo ti scrivo.
Grazie
Marcello"

Strade deserte e un vecchio in bicicletta
Strade calde e un matto che cammina.
In paese diventan saggi
                                  sulla panchina
Le cicale in lontananza tra le strade srotolate
nei contorti uliveti dissetati dalle vigne
                                                 che settembre s’avvicina
Le rondini fan la gara a chi al suolo s’avvicina
Ecco il matto e il vecchio insieme
A ricordar senza parole
All’ombra fresca dei pini
Quei dì trascorsi al sole.

Pubblicato da

Alessandra Versienti

Ho superato i quaranta, ma conservo intatti le insicurezze e i terrori dei vent’anni. Il che – giuro! – non è un vezzo per sentirmi più giovane.
Ho una brillante (…) e multiforme carriera da precaria: dal 2001 mi occupo di comunicazione on line e come freelance curo progetti editoriali e scrivo testi per il web. Inoltre sono una Prof: insegno Lettere nei licei e negli istituti di istruzione secondaria.
Infine, scrivo.
Scrivo poesie, racconti e romanzi.
Alcune mie poesie compaiono in antologie poetiche curate da editori italiani: “Poetando. L’uomo della notte” curato da Maurizio Costanzo, ed. Aliberti 2009, e “I versi della Leda”, edito da I Libri della Leda nel 2010. Nel 2015 ho pubblicato su Amazon, in formato Kindle, la mia raccolta poetica Margini. Antologia provvisoria di parole e mutevoli sensi. Oggi la silloge è disponibile anche in formato cartaceo su IlMioLibro.it.
Dal novembre 2016 è disponibile su IlMioLibro.it anche la nuova raccolta in versi Sangue. 30 poesie. La raccolta è disponibile anche su Amazon, nel Kindle Store.
Sono sposata con A., abbiamo due bambine e viviamo all togheter in una città che si affaccia sul mare, dove i tramonti tolgono il fiato. La bellezza e la gioia mi fanno balbettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *