Salutame lu ientu

“Ciao amore” è uno dei singoli dell’ultimo album dei Sud Sound System, “Acqua pe sta terra”. Trascrivo qui il testo di questo dolcissimo reggae in salentino. Questa è la mia lingua. E la canzone vola sulle onde del mare e sugli sbuffi di vento. Come i desideri di chi in quella terra ci è nato e solo a quel paesaggio si sente di appartenere. Azzardo anche una traduzione del testo, per quel mio amico che ha definito i Sud Sound System “dei poeti”.

 

 

“Ciao amore”
Ciao amore scriu cu sacciu comu stai
ae tantu tiempu ca nu stringu le manu toi
lu tiempu passa ma ieu nu me abituu mai mai
me portu intru li culuri e li sapori toi
Salutame lu mare tilli c'aggiu turnare
percè aggiu costruire nu nidu pe nui doi
Sai amore quai ce friddu sentu la notte
pe unu ca ria te drha basciu a nui
ma poi lu giurnu se lavora forte
ma nu me sciaccu percè penzu a tie
Salutame lu ientu tilli ca pe tie cantu
se passa te qua mera me porta a basciu a tie      

Ciao amore, scrivo per sapere come stai
è tanto tempo che non ti stringo le mani
il tempo passa ma io non mi abituo mai
mi porto nel cuore i colori e i sapori tuoi.
Salutami il mare, digli che devo tornare
perché devo costruire un nido per noi due.       
Sai amore quanto freddo sento la notte
per uno che arriva da laggiù da dove veniamo noi,
poi di giorno si lavora tanto
ma non mi stanco perché penso a te.
Salutami il vento, digli che canto per te
se passa da qui mi porta giù da te
         

Ca quista è la storia te ci lassa la terra e la casa soa 
la famiglia cu li piccinni pe na speranza ca ole troa
affronta na realtà ca a fiate per muti risulta noa
e su nu fogliu bagnatu te chianti iddru scrie alla fimmena soa
quistu ete lu besegnu ca muti costringe a partire
lassandu tuttu quiddru ca a cui è taccatu cullu core
comu l'amore lu mare lu sule te po' parire picca ma è lu ricordu ca ne sale ogne fiata

Questa è la storia di chi lascia la terra e la propria casa,
la famiglia con i bambini per una speranza che vuole trovare.
Affronta una realtà che per molti è nuova
e su di un foglio bagnato di pianto lui scrive alla sua donna.
Questa è la necessità che spinge molti a partire
lasciando tutto quello cui è più legato con il cuore: come l’amore, il mare, il sole.
Ti può sembrare poco, ma è il ricordo che ci assale ogni volta.

Salutame lu mare tilli c'aggiu turnare 
percè aggiu costruire nu nidu pe nui doi    

Salutami il mare, digli che devo tornare
perchè devo costruire un nido per noi due.
        

Ci ha cresciutu annanti a mare la ndore mai se ne scerra
ci ene te la campagna sape li sapori bueni te la terra
ca qundu se ne lluntana lu ricordu sempre li torna
perché lu postu te du ieni intra la vita toa te segna
cussi comu l'amore segna lu core te ci se ama
tantu forte quantu la luce te lu sule te la matina
ca nu ne pueti fare a menu perché ete iddrha sempre la prima
ca te tae la forza cu se camina

Chi è cresciuto davanti al mare, non se ne dimentica mai l’odore.
Chi viene dalla campagna conosce i veri sapori della terra,
tanto che quando se ne allontana poi se li ricorda per sempre.
Perché il posto da cui vieni ti segna per la vita,
così come l’amore segna il cuore di chi si ama.
Tanto forte quanto la luce del sole la mattina,
così forte che non ne puoi fare a meno
perché è sempre la prima lei a darti la forza di camminare.

Salutame lu ientu tilli ca pe tie cantu           
se passa te qua mera me porta a basciu a tie     

Salutami il vento, digli che canto per te
se passa da qui mi porta giù da te.

Pubblicato da

Alessandra Versienti

Ho superato i quaranta, ma conservo intatti le insicurezze e i terrori dei vent’anni. Il che – giuro! – non è un vezzo per sentirmi più giovane.
Ho una brillante (…) e multiforme carriera da precaria: dal 2001 mi occupo di comunicazione on line e come freelance curo progetti editoriali e scrivo testi per il web. Inoltre sono una Prof: insegno Lettere nei licei e negli istituti di istruzione secondaria.
Infine, scrivo.
Scrivo poesie, racconti e romanzi.
Alcune mie poesie compaiono in antologie poetiche curate da editori italiani: “Poetando. L’uomo della notte” curato da Maurizio Costanzo, ed. Aliberti 2009, e “I versi della Leda”, edito da I Libri della Leda nel 2010. Nel 2015 ho pubblicato su Amazon, in formato Kindle, la mia raccolta poetica Margini. Antologia provvisoria di parole e mutevoli sensi. Oggi la silloge è disponibile anche in formato cartaceo su IlMioLibro.it.
Dal novembre 2016 è disponibile su IlMioLibro.it anche la nuova raccolta in versi Sangue. 30 poesie. La raccolta è disponibile anche su Amazon, nel Kindle Store.
Sono sposata con A., abbiamo due bambine e viviamo all togheter in una città che si affaccia sul mare, dove i tramonti tolgono il fiato. La bellezza e la gioia mi fanno balbettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *