Ce l’ho qui il pan brioche!

ImageFino a pochi giorni era una di quelle che preparazioni che mi incutevano un po’ di timore (e certo ne rimangono molte altre, ben più difficoltose). Ne sentivo parlare come di un procedimento elaborato e i risultati altrui mi sono sempre stati mostrati con tale orgoglio che immaginavo arcani segreti e magiche manipolazioni.

Ma mi sono fatta coraggio, visto che ormai ho preso confidenza con la lievitazione, grazie alla pizza fatta in casa e a qualche timido tentativo di panificare. Nonostante l'imperversare di famigerate macchine per il pane e di robot aiutacuoca, ho deciso di fare con le mie mani (e solo qualche stoviglia). Così, armata dei miei strumenti di consultazione via web (coquinaria.it, cooker.net, kucinare.it  e molti altri), mi sono avventurata nella preparazione del pan brioche. Mentre impastavo non potevo fare a meno di pensare a quella gag di Gaspare & Zuzzurro ai tempi di Drive In, quando il Commissario Zuzzurro inaspettatamente esclamava “Ce l’ho qui la brioche!”Smile. Ora il pan brioche non è più un mistero per me, l’ho perfino fotografato in tutte le fogge e vi lascio qui la ricetta e qualche indicazione per il consumo (nel caso ce ne fosse bisogno).

Ingredienti
per il lievitino:
½ cubetto di lievito di birra
100 g di farina
latte q.b.
1 cucchiaio di zucchero

per l'impasto:
300 g di farina
150 g di burro (bastano anche 100)
100 g di zucchero
3 uova intere
1 pizzico di sale

Intanto una premessa sul lievitino. E’ una sorta di pre-impasto che consente di utilizzare molto meno lievito del previsto, che garantisce un risultato più soffice e scongiura il saporaccio chimico che persiste anche dopo la cottura. Per prepararlo basta sottrarre agli ingredienti previsti qualche cucchiaio di farina, un po’ di zucchero e di latte. Con questo procedimento il lievito si rafforza anche grazie allo zucchero, che lo riattiva  favorendo la formazione di alveoli d’aria e il raddoppio dell’impasto.

Preparazione
Prendo appena metà di un cubetto di lievito di birra e lo sciolgo in mezzo bicchiere di latte tiepido. In una terrina ci aggiungo lo zucchero e la farina e mescolo fino ad ottenere un composto cremoso e omogeneo. Metto in un luogo caldo a lievitare per 45-60 minuti, finché non raddoppia di volume. Di solito ripongo la terrina nel forno spento, ma con la lucina accesa.

Trascorso il tempo necessario, aggiungo tutti gli altri ingredienti: le uova intere, la farina, il burro sciolto e raffreddato, lo zucchero, il sale ed eventualmente altro latte per ammorbidire. Lavoro l’impasto nella ciotola e mi assicuro che diventi compatto e senza grumi. Poi lascio nuovamente lievitare per altre due ore.  Infine,  imburro e infarino una teglia (io ho usato quella del plum cake) e faccio cuocere in forno preriscaldato per circa 40-45 minuti, a 180 ° gradi (forno statico).

Faccio raffreddare su una gratella, taglio a fette e puccio nel latte caldo o nel tè. O spalmo la fetta di marmellata, nutella o altre ghiottonerie. Se decido di fare la brava, congelo i pezzi di pan brioche, così non mi vedo costretta a consumarlo tutto in un giorno. Con lo stessa ricetta si possono preparare delle brioche, tipo quelle calde e fragranti opera dell’Uccio Lurdo che mangiavamo davanti al Liceo Palmieri di Lecce alla fine degli anni ’80. Ma questo è un ricordo che conservo solo io e altre centinaia di studenti di quell'epoca gloriosa e inquieta. Per la verità, eravamo solo delle orribili ragazzine sfigate e sovrappeso. Ma questa è un'altra storia…

Pubblicato da

Alessandra Versienti

Ho superato i quaranta, ma conservo intatti le insicurezze e i terrori dei vent’anni. Il che – giuro! – non è un vezzo per sentirmi più giovane. Ho una brillante (…) e multiforme carriera da precaria: dal 2001 mi occupo di comunicazione on line e come freelance curo progetti editoriali e scrivo testi per il web. Inoltre sono una Prof: insegno Lettere nei licei e negli istituti di istruzione secondaria. Infine, scrivo. Scrivo poesie, racconti e romanzi. Alcune mie poesie compaiono in antologie poetiche curate da editori italiani: “Poetando. L’uomo della notte” curato da Maurizio Costanzo, ed. Aliberti 2009, e “I versi della Leda”, edito da I Libri della Leda nel 2010. Nel 2015 ho pubblicato su Amazon, in formato Kindle, la mia raccolta poetica Margini. Antologia provvisoria di parole e mutevoli sensi. Oggi la silloge è disponibile anche in formato cartaceo su IlMioLibro.it. Dal novembre 2016 è disponibile su IlMioLibro.it anche la nuova raccolta in versi Sangue. 30 poesie. La raccolta è disponibile anche su Amazon, nel Kindle Store. Sono sposata con A., abbiamo due bambine e viviamo all togheter in una città che si affaccia sul mare, dove i tramonti tolgono il fiato. La bellezza e la gioia mi fanno balbettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *