La panza delle donne

ImageNon ci sono dubbi. E’ panza. Non è il ciclo che s’avvicina. Né i troppi carboidrati o un eccesso di fibre. Non è una gravidanza, né il colon irritabile. E’ tutto regolare.

Arrendiamoci all’evidenza dei mesi invernali che hanno lasciato il segno. Un morbido, innocente, inequivocabile segno. I jeans stringono proprio lì. E la vita bassa dei pantaloni scende impietosa sulle curve. Le gonne estive attendono il loro turno di prova. L’abitino nero s’è attillato e ha perso la sua linea scivolata.

Si piantano proprio lì le deboli promesse di un nuovo, radicale stile di vita. Insieme alla speranza che la pancia risulti meno invadente con un po’ di abbronzatura. Riappariranno in tutta la loro violenta tristezza in un camerino male illuminato, al momento della prova costume. L’immagine intima di noi in perizoma richiama alla mente inquieta una squadra di giocatori di sumo. E ci lanceremo in una tirata contro le case di moda che realizzano capi solo per ragazzine anoressiche e donne androgine. In un calcolo approssimativo che somma, sottrae e moltiplica misteriosamente giorni a disposizione, chili da perdere e calorie da ingerire, penseremo con invidia ai gloriosi anni ’50 e alle maggiorate. Perché apparteniamo alla stessa generazione di Kate Moss? Why, perché?!

Stagione di belle speranze e lunghe illusioni, l’inverno. Dissolte le nubi e le brume, la luce azzurra del cielo di primavera illumina lo specchio. E il ventre morbido e bianco di una donna normale.

Pubblicato da

Alessandra Versienti

Ho superato i quaranta, ma conservo intatti le insicurezze e i terrori dei vent’anni. Il che – giuro! – non è un vezzo per sentirmi più giovane. Ho una brillante (…) e multiforme carriera da precaria: dal 2001 mi occupo di comunicazione on line e come freelance curo progetti editoriali e scrivo testi per il web. Inoltre sono una Prof: insegno Lettere nei licei e negli istituti di istruzione secondaria. Infine, scrivo. Scrivo poesie, racconti e romanzi. Alcune mie poesie compaiono in antologie poetiche curate da editori italiani: “Poetando. L’uomo della notte” curato da Maurizio Costanzo, ed. Aliberti 2009, e “I versi della Leda”, edito da I Libri della Leda nel 2010. Nel 2015 ho pubblicato su Amazon, in formato Kindle, la mia raccolta poetica Margini. Antologia provvisoria di parole e mutevoli sensi. Oggi la silloge è disponibile anche in formato cartaceo su IlMioLibro.it. Dal novembre 2016 è disponibile su IlMioLibro.it anche la nuova raccolta in versi Sangue. 30 poesie. La raccolta è disponibile anche su Amazon, nel Kindle Store. Sono sposata con A., abbiamo due bambine e viviamo all togheter in una città che si affaccia sul mare, dove i tramonti tolgono il fiato. La bellezza e la gioia mi fanno balbettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *