Il cielo

Image“Il cielo…Si può volare oltre le nuvole, ma sempre in alto lo vedrai…”. Così recita una canzone di Lucio Dalla. L’abbiamo ascoltata con Andrea l’altra notte, nel cantiere deserto del lungomare di Voltri.

Da un paio di giorni Maria Sole sta sperimentando un nuovo grido di guerra che la incuriosisce fino allo sfinimento, tanto che la sera fatica a prendere sonno. Nonostante gli occhietti fatichino a stare aperti, continua a ripetere un rauco aaahhhhhhhhhh! che le graffia i polmoni e a noi sfianca ben altro.

L’altra sera, dopo averle provate un pò tutte per farla addormentare, l’abbiamo sistemata nel seggiolino della macchina e siamo usciti a tarda notte (le 23,00…) per prendere un gelato.

Inutile dire che si è addormentata di botto, mentre noi due abbiamo giocato a fare gli innamorati in fase di corteggiamento. Quelli che fanno degli estenuanti giretti in macchina a parlare della vita guardando il cielo.

Parcheggiata l’auto nello spiazzo di fronte al cantiere deserto del lungomare di Voltri, abbiamo messo su un’antologia dei successi di Lucio Dalla. La brezza del mare, l’aria della notte, le note de “Il cielo” e nostra figlia che dormiva quieta e sazia…c’è da emozionarsi un bel pò. E sorridere. E davvero “si perde il pensiero quando guardo il cielo..”.

Il cielo (In Europa, 1988)
Il cielo,
la terra finisce e là comincia il cielo
Lo sguardo,
ed anche stasera fa pensare a te

Il cielo,
vicino e lontano vedo sempre il cielo
Ricordo,
lo stesso colore in fondo agli occhi tuoi

Si può volare oltre le nuvole,
ma sempre in alto lo vedrai

Il cielo,
si perde il pensiero quando guardo il cielo
ed ecco
ritorna il ricordo dolce che ho di te

Si può volare fra le stelle
ma sempre in alto troverai

la terra finisce e là comincia il cielo
oh cielo
perché non la fai tornare insieme a me
  

Pubblicato da

Alessandra Versienti

Ho superato i quaranta, ma conservo intatti le insicurezze e i terrori dei vent’anni. Il che – giuro! – non è un vezzo per sentirmi più giovane. Ho una brillante (…) e multiforme carriera da precaria: dal 2001 mi occupo di comunicazione on line e come freelance curo progetti editoriali e scrivo testi per il web. Inoltre sono una Prof: insegno Lettere nei licei e negli istituti di istruzione secondaria. Infine, scrivo. Scrivo poesie, racconti e romanzi. Alcune mie poesie compaiono in antologie poetiche curate da editori italiani: “Poetando. L’uomo della notte” curato da Maurizio Costanzo, ed. Aliberti 2009, e “I versi della Leda”, edito da I Libri della Leda nel 2010. Nel 2015 ho pubblicato su Amazon, in formato Kindle, la mia raccolta poetica Margini. Antologia provvisoria di parole e mutevoli sensi. Oggi la silloge è disponibile anche in formato cartaceo su IlMioLibro.it. Dal novembre 2016 è disponibile su IlMioLibro.it anche la nuova raccolta in versi Sangue. 30 poesie. La raccolta è disponibile anche su Amazon, nel Kindle Store. Sono sposata con A., abbiamo due bambine e viviamo all togheter in una città che si affaccia sul mare, dove i tramonti tolgono il fiato. La bellezza e la gioia mi fanno balbettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *