I love spinacina

ImagePer quanto ami il cibo genuino, gli ingredienti sani e professi che un piatto di pasta in bianco è sempre meglio dei “quattro salti…” , io adoro le spinacine. Detto questo, amici food blogger, mettetemi all’indice.

Posso avanzare delle attenuanti: a volte le faccio cuocere in forno, coltivando l’illusione che siano più leggere e sane. Ma non mi sottraggo alla cottura in padella e alla visione della loro superficie pallida diventare brunita e dorata.

Le compro. Le tengo in frigo per ogni evenienza. Quel genere di evenienza che ti costringe a mangiare di fretta, tra una pappina della tua bambina e un lavoro da finire, i panni da stendere e la possibilità di non vederci più dalla fame alle 2 del pomeriggio. Quando Beautiful è già finito e ti accorgi che non ti sei ancora lavato il viso da quanto ti sei svegliata. Nella versione sana il pranzo prevede un’abbondante insalata fresca. Ma cosa c’è di più gratificante che accompagnarla con purè istantaneo?

La qual cosa mi risolleva un po’ il morale, mi ridimensiona brutalmente come “cuoca” che coltiva delle improbabili velleità e mi riporta alla mia giusta dimensione di calinga approssimativa, in cui ormai sguazzo serena, tra dubbi quotidiani e sensi di colpa. Fritti.

A lei, specialità di questa casa e della sua mensa, sto meditando di dedicare un’ode che suona più o meno così:

“Oh spinacina
condita con l’olio
come il più buono dei cibi nostrani!
Sola, in padella o al forno dorata
porti il conforto alla pancia affamata…”

Pubblicato da

Alessandra Versienti

Ho superato i quaranta, ma conservo intatti le insicurezze e i terrori dei vent’anni. Il che – giuro! – non è un vezzo per sentirmi più giovane.
Ho una brillante (…) e multiforme carriera da precaria: dal 2001 mi occupo di comunicazione on line e come freelance curo progetti editoriali e scrivo testi per il web. Inoltre sono una Prof: insegno Lettere nei licei e negli istituti di istruzione secondaria.
Infine, scrivo.
Scrivo poesie, racconti e romanzi.
Alcune mie poesie compaiono in antologie poetiche curate da editori italiani: “Poetando. L’uomo della notte” curato da Maurizio Costanzo, ed. Aliberti 2009, e “I versi della Leda”, edito da I Libri della Leda nel 2010. Nel 2015 ho pubblicato su Amazon, in formato Kindle, la mia raccolta poetica Margini. Antologia provvisoria di parole e mutevoli sensi. Oggi la silloge è disponibile anche in formato cartaceo su IlMioLibro.it.
Dal novembre 2016 è disponibile su IlMioLibro.it anche la nuova raccolta in versi Sangue. 30 poesie. La raccolta è disponibile anche su Amazon, nel Kindle Store.
Sono sposata con A., abbiamo due bambine e viviamo all togheter in una città che si affaccia sul mare, dove i tramonti tolgono il fiato. La bellezza e la gioia mi fanno balbettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *