Pranzo al sacco (sformato di riso al forno)

ImageA dirla tutta, una parte di me non ama le gite. Quella parte di me è malmostosa, lagnosa e lunatica e ad un pic nic preferirebbe il divano e il silenzio assoluto. Ma buona parte – gran parte – di me è anche mamma e va in gita con la sua bimba e con altri adorabili bambini. Così io – la mamma (e non l’Alter Ego!) –  preparo il pranzo al sacco e tutte le provviste per l’occasione.

Ultimamente preparo spesso questo sformato di riso, scoperto grazie ad una cara amica. Si può mangiare appena sfornato, bollente, con il formaggio che cola sul piatto. Oppure lo si può preparare il giorno prima e consumarlo freddo. Quando è freddo, io lo taglio a fette che faccio riscaldare in un tegame antiaderente con un filo d’olio: diventa una robina buonissima e scrocchiarella, come appena uscita da una rosticceria. Buono!

Questi gli ingredienti per una teglia di 24-26 cm di diametro:

300 gi di riso per risotti
1 uovo
2 patate medie
200 g di mozzarella
sottilette
prosciutto cotto
formaggio grattugiato
latte

Procedo così: faccio lessare le patate e le schiaccio con il passapatate. Poi lesso anche il riso in acqua salata e lo scolo a metà cottura. Unisco patate, riso, uovo, mozzarella e prosciutto a dadini, formaggio grattugiato e latte. Il composto deve risultare morbido, quasi cremoso. Preparo la mia teglia in pirex con un giro d’olio extra vergine d’oliva, cospargo il fondo con pangrattato e verso parte del composto di riso. Faccio uno strato con le sottilette e poi copro con il resto. Metto in forno per 45 minuti circa, a 180°. Si formerà una crosticina dorata.

Pubblicato da

Alessandra Versienti

Ho superato i quaranta, ma conservo intatti le insicurezze e i terrori dei vent’anni. Il che – giuro! – non è un vezzo per sentirmi più giovane. Ho una brillante (…) e multiforme carriera da precaria: dal 2001 mi occupo di comunicazione on line e come freelance curo progetti editoriali e scrivo testi per il web. Inoltre sono una Prof: insegno Lettere nei licei e negli istituti di istruzione secondaria. Infine, scrivo. Scrivo poesie, racconti e romanzi. Alcune mie poesie compaiono in antologie poetiche curate da editori italiani: “Poetando. L’uomo della notte” curato da Maurizio Costanzo, ed. Aliberti 2009, e “I versi della Leda”, edito da I Libri della Leda nel 2010. Nel 2015 ho pubblicato su Amazon, in formato Kindle, la mia raccolta poetica Margini. Antologia provvisoria di parole e mutevoli sensi. Oggi la silloge è disponibile anche in formato cartaceo su IlMioLibro.it. Dal novembre 2016 è disponibile su IlMioLibro.it anche la nuova raccolta in versi Sangue. 30 poesie. La raccolta è disponibile anche su Amazon, nel Kindle Store. Sono sposata con A., abbiamo due bambine e viviamo all togheter in una città che si affaccia sul mare, dove i tramonti tolgono il fiato. La bellezza e la gioia mi fanno balbettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *