“Un’autrice italiana”: gulp!

Un po’ mi vergogno, però confesso che mi fa molto piacere. E solo ora mi decido a scriverlo qui. Un paio di mesi mi ha contattato un docente di scuola media inferiore, dandomi del lei e chiamandomi “dottoressa”. L’estrema gentilezza e l’approccio formale dell’e-mail mi hanno commosso.

Il professore mi faceva i complimenti per MiPiaceSettembre.it e per alcuni miei racconti che aveva letto imbattendosi per caso nel blog. Aveva scelto un testo in particolare e avrebbe voluto proporlo ai suoi studenti come dettato e come spunto per una lettura critica. Gulp!

Proseguiva chiedendomi il permesso di poterlo fare e se potessi concedergliene l’utilizzo gratuito. Ovvio che ho accolto subito e con entusiasmo la sua richiesta! M’è venuto da pensare ad una poesia che avevo scritto intorno ai vent’anni (doppio gulp!), in cui immaginavo di tornare un giorno nel mio liceo e di “declamare un po’ di versi/fra gli applausi e a modo mio”. Mi sembra quasi che quel desiderio si sia realizzato.

La mail del professore si chiudeva con una notazione pratica che rivela l’attenzione e l’interesse di questo docente per i suoi ragazzi: “Per comodità pensavo di convertire in pdf i suoi testi integrandoli in delle minidispense didattiche per la mia classe”.

Il professor Furio Detti, questo il suo nome, ha un blog che i suoi alunni possono consultare e con cui interagiscono, al di là delle ore di scuola e di studio. Qui il link dove segnala il mio MiPiaceSettembre.it e il file del racconto disponibile in pdf, che inizia così:

“Il testo che state per scrivere sotto dettatura è di un’autrice italiana, è un testo breve e adattato per voi. Scrivendo il titolo avete imparato che cosa sono i caporali («») e come sono usati al posto delle virgolette (“”) o degli apici (‘’). In neretto ci sono le parole più difficili, quelle che vi sono state già spiegate in classe e quelle che voi non conoscevate a una prima lettura…”

Io commossa…!

Pubblicato da

Alessandra Versienti

Ho superato i quaranta, ma conservo intatti le insicurezze e i terrori dei vent’anni. Il che – giuro! – non è un vezzo per sentirmi più giovane.
Ho una brillante (…) e multiforme carriera da precaria: dal 2001 mi occupo di comunicazione on line e come freelance curo progetti editoriali e scrivo testi per il web. Inoltre sono una Prof: insegno Lettere nei licei e negli istituti di istruzione secondaria.
Infine, scrivo.
Scrivo poesie, racconti e romanzi.
Alcune mie poesie compaiono in antologie poetiche curate da editori italiani: “Poetando. L’uomo della notte” curato da Maurizio Costanzo, ed. Aliberti 2009, e “I versi della Leda”, edito da I Libri della Leda nel 2010. Nel 2015 ho pubblicato su Amazon, in formato Kindle, la mia raccolta poetica Margini. Antologia provvisoria di parole e mutevoli sensi. Oggi la silloge è disponibile anche in formato cartaceo su IlMioLibro.it.
Dal novembre 2016 è disponibile su IlMioLibro.it anche la nuova raccolta in versi Sangue. 30 poesie. La raccolta è disponibile anche su Amazon, nel Kindle Store.
Sono sposata con A., abbiamo due bambine e viviamo all togheter in una città che si affaccia sul mare, dove i tramonti tolgono il fiato. La bellezza e la gioia mi fanno balbettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *