“Sapore di mare” Collection

altTra pochi giorni partiamo per la prima tranche di vacanze. Destinazione: Sardegna. Abbiamo già i biglietti, ma nell’ultima settimana non ci siamo fatti mancare la febbre di Maria Sole con annessa cura antibiotica e la prima febbre di Anna Luce, causa vaccino, con prima – ça va sans dire – Tachipirina.

Siamo stanchi, c’è poco da aggiungere. Le vacanze ci sembrano un miraggio. Maria Sole mi chiede continuamente se il mare dove farà il bagno è senza onde. Le assicuro di no e rilancio con la promessa che staremo a mollo per giorni e faremo la pacchia. Anna Luce gorgheggia e lievita. E’ morbidissima. Com’è stato possibile dimenticare quanto è rilassante la pelle morbida di un neonato? La tenerezza mi strozza, quando la tengo in braccio. Non ho scampo per quanto mi piace!

Tra un febbre e l’altra, ho trovato il tempo di infilarmi a forza nel costume dell’anno scorso. Non è andata male come temevo. Poi è viola ed è ancora di moda, il che contribuisce a migliorare l’effetto generale e meno male. Mentalmente faccio l’elenco delle cose da portare, tiro le somme degli ultimi mesi, porto a termine alcuni lavori che sto seguendo, cucino, lavo, stiro, allatto, coccolo, mi confondo e devo ancora depilarmi le gambe.

L’altro giorno mi sono capitati tra capo e collo dieci minuti liberi e li ho dedicati ad una spericolata sessione di silk-épil. Ero talmente di fretta che Maria Sole mi guardava stranita, poi ha coperto con le mani gli occhi della piccola e le ha detto “Non aver paura, Anna, sono solo peli!”. Capisco che deve essere stato un brutto spettacolo. Ma che cosa posso fare? Mi arrangio, cerco di far tutto e provo a non trascurare niente.  

Nemmeno i miei blog. Per esempio, MiPiaceSettembre.it ha compiuto sei anni, ma non lo dico ad alta voce. Però pensavo che questo piccolo, personalissimo blog è stato testimone silenzioso di tante vicende. A volte ritrovo post che avevo dimenticato, in cui ho rivelato e confidato pensieri privatissimi. Poi l’altro giorno, mentre vagheggiavo di mare e vacanze, m’è venuto in mente di cercare sul blog la parola “estate”. Per essere una a cui piace settembre 😉 di post estivi ne sono venuti fuori un bel po’.

Allora li riporto a galla con questo post che scrivo e ne faccio una “Sapore di mare” Collection:

Mi piace settembre

Un’estate calda e pericolosa

L’estate dell’82

Let’s get physical

Istantanee dal Salento

Tutti al mare

Casalabate beach

Il mare

Signorinella pallida

Settembre, andiamo

Infine, ecco le ricette con il sapore dell’estate:

L’estate sta finendo 

Fresco fresco 

Verdure d’estate

Pubblicato da

Alessandra Versienti

Ho superato i quaranta, ma conservo intatti le insicurezze e i terrori dei vent’anni. Il che – giuro! – non è un vezzo per sentirmi più giovane. Ho una brillante (…) e multiforme carriera da precaria: dal 2001 mi occupo di comunicazione on line e come freelance curo progetti editoriali e scrivo testi per il web. Inoltre sono una Prof: insegno Lettere nei licei e negli istituti di istruzione secondaria. Infine, scrivo. Scrivo poesie, racconti e romanzi. Alcune mie poesie compaiono in antologie poetiche curate da editori italiani: “Poetando. L’uomo della notte” curato da Maurizio Costanzo, ed. Aliberti 2009, e “I versi della Leda”, edito da I Libri della Leda nel 2010. Nel 2015 ho pubblicato su Amazon, in formato Kindle, la mia raccolta poetica Margini. Antologia provvisoria di parole e mutevoli sensi. Oggi la silloge è disponibile anche in formato cartaceo su IlMioLibro.it. Dal novembre 2016 è disponibile su IlMioLibro.it anche la nuova raccolta in versi Sangue. 30 poesie. La raccolta è disponibile anche su Amazon, nel Kindle Store. Sono sposata con A., abbiamo due bambine e viviamo all togheter in una città che si affaccia sul mare, dove i tramonti tolgono il fiato. La bellezza e la gioia mi fanno balbettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *