Ciambella Moka (per tacer della Nutella)

Se amate il caffè ed è il primo pensiero che vi attraversa la mente appena svegli. Se non potete fare a meno di infilare il cacao in ogni torta. Se la Nutella è la vostra droga. Se cercate un qualcosa di morbido e confortante da inzuppare nel latte a colazione, questa è la ciambella che fa per voi.

E’ semplice e buona e l’impasto si presta a molte varianti. Io ho imparato a farla seguendo diversi anni fa Cooker.net. La ricetta originale è qui ed è infallibile, anche per chi come me (allora e anche ora) è alle prime armi. 

Poi a me piace la prima colazione e deve essere abbondante e golosa. In cucina – alle 7.45 del mattino – ci siamo io e Maria Sole che ci abbuffiamo di latte e biscotti. Anna Luce, se non dorme, ci guarda curiosa dal suo seggiolone. La domenica invece c’è anche Andrea e ci gustiamo la colazione con calma, mentre decidiamo come passare tutti insieme la giornata. Portiamo in tavola biscotti, cereali, fette biscottate, marmellata e nutella. La crostata (della puerpera) è di solito la golosità in più, ma anche la ciambella al caffè si è conquistato il suo posticino a tavola, tra la Nutella e la crostata di cui sopra.

 
Ecco gli ingredienti:

300 grammi di farina OO

200 grammi di burro fuso

100 grammi di zucchero

3 uova intere

un pizzico di sale

1 bustina di lievito vanigliato

 
A questi ingredienti base ho aggiunto:

150 ml di caffè

3 cucchiai rasi di cacao amaro

1 cucchiaio di zucchero

2 cucchiai di latte

Nutella da spalmare sulle fette 🙂

Procedo così: sciolgo lentamente il burro in un pentolino e lo lascio raffreddare. Faccio anche riscaldare il forno: temperatura 180° circa. Intanto lavoro le uova con lo zucchero, unisco farina e sale e lavoro il tutto con le fruste elettriche. Imburro e infarino la teglia, quindi aggiungo il burro e il lievito. Faccio scivolare 2/3 dell’impasto nella teglia e in quello che rimane metto il cacao, il latte e il cucchiaio di zucchero: mescolo ancora e verso sull’impasto precedente. Con la lama di un coltello faccio i ghirigori nel composto e metto in forno per 45 minuti circa. Ovvio che non si scappa dalla prova stecchino.

Colazione a parte, le fette della ciambella moka sono fantastiche a merenda: spalmate generosamente di Nutella, si consumano in fretta e furia, davanti al lavello della cucina per non sporcare il tavolo. Poi ci si lecca le dita per non lasciare tracce. E’ il gusto del proibito!

Pubblicato da

Alessandra Versienti

Ho superato i quaranta, ma conservo intatti le insicurezze e i terrori dei vent’anni. Il che – giuro! – non è un vezzo per sentirmi più giovane. Ho una brillante (…) e multiforme carriera da precaria: dal 2001 mi occupo di comunicazione on line e come freelance curo progetti editoriali e scrivo testi per il web. Inoltre sono una Prof: insegno Lettere nei licei e negli istituti di istruzione secondaria. Infine, scrivo. Scrivo poesie, racconti e romanzi. Alcune mie poesie compaiono in antologie poetiche curate da editori italiani: “Poetando. L’uomo della notte” curato da Maurizio Costanzo, ed. Aliberti 2009, e “I versi della Leda”, edito da I Libri della Leda nel 2010. Nel 2015 ho pubblicato su Amazon, in formato Kindle, la mia raccolta poetica Margini. Antologia provvisoria di parole e mutevoli sensi. Oggi la silloge è disponibile anche in formato cartaceo su IlMioLibro.it. Dal novembre 2016 è disponibile su IlMioLibro.it anche la nuova raccolta in versi Sangue. 30 poesie. La raccolta è disponibile anche su Amazon, nel Kindle Store. Sono sposata con A., abbiamo due bambine e viviamo all togheter in una città che si affaccia sul mare, dove i tramonti tolgono il fiato. La bellezza e la gioia mi fanno balbettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *