Torno subito

Vorrei appiccicare ovunque post-it con su scritto “Torno subito”! Una pausa caffè simbolica dalla gestione dell’esercizio e del ruolo (dei ruoli, anzi) con relativa fuga al bar per un cornetto con cappuccino.

Una cosa leggera, niente di impegnativo, giusto per pensare ad altro, svuotare la mente e poi tornare subito nei ranghi. Potrei dotarmi di post-it grandi quanto un foglio A4, di un giallo intenso e brillante, e quando il dovere chiama mi attacco in fronte un bel: “Torno subito”. Forse se il post-it è fluo è meglio.

Metti che sono in casa ed è ora di preparare il pranzo: “Torno subito”. O è ora di rifare i letti: “Torno subito”, di lavare i piatti: “Torno subito”, di stirare: “Torno subito”, di fare il bagno alle bambine: “Torno subito”.

O metti che sto lavorando ed è ora di correggere le bozze: “Torno subito”, o di preparare la newsletter: “Torno subito”, di programmare i pezzi: “Torno subito” o di scrivere un articolo di lancio: “Torno subito”.

Che male c’è: una piccola fuga dalle responsabilità, anche solo per un momento. Un attimo così veloce che non fa in tempo a fuggire, quell’attimo, che – eccolo! – è già tornato. Tanto torno subito. E chi scappa?

Non scappo, sto qua. Prometto. Mi aspettano mesi intensi, un sacco di cose da fare, un grosso cambiamento tanto (tanto, ma proprio taaaaanto) desiderato, atteso, sognato. C’è pure un po’ di fifa che ho quasi paura a parlarne, anche se ormai manca poco.

Vabbè, si: poi ve lo dico, cari i miei due lettori. E’ che ho scoperto di essere un po’ scaramantica perché a parlare troppo presto rischi che si rovini tutto il bello. Com’è che si dice: “non dire gatto se non ce l’hai nel sacco” o è “non dire sacco se non c’hai il gatto”? Qualcosa del genere, più o meno.

Ma non posso dire di più che ora scappo al bar, ma “Torno subito”. Quasi subito, giuro!

Pubblicato da

Alessandra Versienti

Ho superato i quaranta, ma conservo intatti le insicurezze e i terrori dei vent’anni. Il che – giuro! – non è un vezzo per sentirmi più giovane. Ho una brillante (…) e multiforme carriera da precaria: dal 2001 mi occupo di comunicazione on line e come freelance curo progetti editoriali e scrivo testi per il web. Inoltre sono una Prof: insegno Lettere nei licei e negli istituti di istruzione secondaria. Infine, scrivo. Scrivo poesie, racconti e romanzi. Alcune mie poesie compaiono in antologie poetiche curate da editori italiani: “Poetando. L’uomo della notte” curato da Maurizio Costanzo, ed. Aliberti 2009, e “I versi della Leda”, edito da I Libri della Leda nel 2010. Nel 2015 ho pubblicato su Amazon, in formato Kindle, la mia raccolta poetica Margini. Antologia provvisoria di parole e mutevoli sensi. Oggi la silloge è disponibile anche in formato cartaceo su IlMioLibro.it. Dal novembre 2016 è disponibile su IlMioLibro.it anche la nuova raccolta in versi Sangue. 30 poesie. La raccolta è disponibile anche su Amazon, nel Kindle Store. Sono sposata con A., abbiamo due bambine e viviamo all togheter in una città che si affaccia sul mare, dove i tramonti tolgono il fiato. La bellezza e la gioia mi fanno balbettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *