Che ci faccio sveglia?

Onestamente non vedo il vantaggio dello svegliarsi all’alba. Potendo, dormirei fino a tardi, per poi ritrovarmi con gli occhi gonfi e sazi di sonno e la pelle liscia e ben stirata, come una pesca.

Invece mi ritrovo con gli occhi pesti e il cervello in pappa. Già alle primissime ore del mattino ho gli occhi spalancati e sono pronta all’azione. Ok, “pronta” è una parola grossa. Diciamo sveglia, ecco.

Ora che sono a Campi Salentina il mio risveglio è sottolineato e accompagnato dal rombo dei trattori che attraversano la strada per dirigersi verso la campagna. Una di queste mattine quasi quasi chiedo un passaggio a un contadino e ci faccio un giro, in campagna.

Tanto, che me sto a fare in giro per casa a cercare fili d’aria o alla scrivania a stilare improbabili liste di cose da fare? Con ‘sto caldo, sempre di cose impossibili si tratta.

Il punto è che sono così tanto presa dalla cura delle bambine e degli impegni quotidiani che svegliarmi presto, in qualche modo, è un tentativo (vano se non disperato) di riservarmi un posticino solo per me in tutta la giornata. C’è una vocina che mi sveglia e mi tira giù dal letto. Non ho ancora capito però dove vuole che vada.

Mi alzo, faccio il caffè e mi dico che anche oggi mi aspettano tante cose, che sono pronta e vai che cominciamo! Robe così. Poi l’afa invade ogni spazio e tutto il resto è nulla. Forse, ho pensato, è tutto il giro delle novità e dei nuovi ritmi che mi sfasa un po’.

Deve essere così. Che sia un po’ sfasata è fuori di dubbio. E quindi ora che sono le 6.30 del mattino cosa faccio, io? Niente: sto sveglia e sfasata. La condizione ideale per mettersi al lavoro. Il dovere mi chiama. Ah: buongiorno!

Pubblicato da

Alessandra Versienti

Ho superato i quaranta, ma conservo intatti le insicurezze e i terrori dei vent’anni. Il che – giuro! – non è un vezzo per sentirmi più giovane.
Ho una brillante (…) e multiforme carriera da precaria: dal 2001 mi occupo di comunicazione on line e come freelance curo progetti editoriali e scrivo testi per il web. Inoltre sono una Prof: insegno Lettere nei licei e negli istituti di istruzione secondaria.
Infine, scrivo.
Scrivo poesie, racconti e romanzi.
Alcune mie poesie compaiono in antologie poetiche curate da editori italiani: “Poetando. L’uomo della notte” curato da Maurizio Costanzo, ed. Aliberti 2009, e “I versi della Leda”, edito da I Libri della Leda nel 2010. Nel 2015 ho pubblicato su Amazon, in formato Kindle, la mia raccolta poetica Margini. Antologia provvisoria di parole e mutevoli sensi. Oggi la silloge è disponibile anche in formato cartaceo su IlMioLibro.it.
Dal novembre 2016 è disponibile su IlMioLibro.it anche la nuova raccolta in versi Sangue. 30 poesie. La raccolta è disponibile anche su Amazon, nel Kindle Store.
Sono sposata con A., abbiamo due bambine e viviamo all togheter in una città che si affaccia sul mare, dove i tramonti tolgono il fiato. La bellezza e la gioia mi fanno balbettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *